089 842 4200

02 4004 4199

Assisto famiglie ed imprese nelle decisioni di investimento dal 1997

089 842 4200

02 4004 4199

Monthly Insights

QUADRO MACROECONOMICO

Nel corso del mese di marzo sono pervenute indicazioni in chiaroscuro sulle prospettive dell’economia mondiale.
Ai numerosi segnali di debolezza nei primi tre mesi dell’anno emersi sia in USA sia in area Euro si sono affiancate indicazioni che lasciano presagire una stabilizzazione nel trimestre in corso cui potrebbe seguire una fase recupero nella seconda parte dell’anno, in particolare se venissero meno le tensioni politiche.
Una ripresa dell’economia potrebbe essere favorita anche dalle politiche monetarie e fiscali espansive adottate recentemente sia da alcuni Paesi sviluppati che emergenti.

STATI UNITI

Dall’economia statunitense sono giunti i segnali più contrastanti. I dati macroeconomici pubblicati sono stati generalmente inferiori alle
stime di consensus, come testimoniato dall’Economic Surprise Index di Citigroup, ma allo stesso tempo nelle ultime settimane sono emerse indicazioni che hanno lasciato intravedere un miglioramento dell’attività economica rispetto ad inizio anno. La stima di crescita del PIL del modello della Fed di Atlanta indica ora un’espansione dell’attività economica nel 1Q19 pari al 2,1%, in netto aumento rispetto allo 0,4% che veniva stimato a inizio febbraio. Qualora tale proiezione si dimostrasse corretta, l’economia USA sarebbe cresciuta nel primo trimestre del 2019 allo stesso ritmo della fine del 2018.
Gli indici di fiducia di marzo non sono stati in grado di fornire un quadro omogeneo della situazione economica. L’ISM manifatturiero ha registrato un incremento superiore alle attese, da 54,2 a 55,3, valore in linea con una crescita annua del Pil del 3,7%. Peggiore è stato, invece, sia l’andamento dell’indice ISM non-manifatturiero, sceso da 59,7 a 56,1, che quello dell’indice di fiducia dei consumatori del Conference Board, passato da 131,4 a 124,1. Sostanzialmente in linea con le attese si è invece confermato l’indice di fiducia dei costruttori NAHB, rimasto stabile a 62., valore che lascia prevedere una buona crescita delle costruzioni di nuove case nei prossimi mesi. A dare fiducia agli operatori del settore è il calo dei tassi sui mutui, scesi di 80bp al 4,05% dal massimo registrato a fine novembre 2018.
Luci ed ombre anche dai dati reali di febbraio, con le vendite al dettaglio in ribasso dello 0,2% m/m, peggiori delle attese di consensus (+0,2% m/m), ma con una forte revisione al rialzo del dato di gennaio da 0,2% a 0,7%, e la produzione industriale salita dello 0,1% m/m (consensus a +0,4% m/m), dopo il calo dello 0,1% m/m accusato in gennaio (rivisto da -0,6% m/m).
In tale contesto, e con l’inflazione sotto controllo grazie anche a una crescita moderata dei salari (+3,2% a/a in marzo da +3,4% a/a del mese precedente), la Fed ha annunciato che i tassi resteranno invariati per tutto il 2019 mentre da ottobre si fermerà il processo di normalizzazione
del bilancio.

OUTLOOK

CRESCITA ECONOMICA

EUROPA
I dati economici pubblicati nelle ultime settimane hanno confermato che le prospettive dell’area Euro rimangono deboli. Tra gli indici di fiducia, l’Economic Sentiment Index di marzo è sceso da 106,2 a 105,5, il nono calo consecutivo, segnale di come l’economia potrebbe ulteriormente indebolirsi nel secondo trimestre. Un segnale di recupero è arrivato dall’andamento degli aggregati monetari in febbraio. La massa monetaria M1 è salita del 6,6% a/a in febbraio rispetto al 6,2% a/a di gennaio ed M3 del 4,3% a/a dal 3,8% precedente. I due dati sono in linea con un miglioramento dell’economia durante l’estate.
A pesare sull’area Euro è il rallentamento della Germania, trasformatasi da motore a freno della crescita economica. Il settore industriale è quello che sta soffrendo maggiormente della crisi del settore automobilistico: in febbraio la produzione industriale è salita dello 0,7 % m/m, ma solo grazie al +6,8% m/m delle costruzioni, mentre la produzione nel comparto manifatturiero è scesa dello 0,2% m/m. Gli ordini all’industria non lasciano intravvedere alcun miglioramento nel breve, con un crollo in febbraio del 4,2% m/m. I due principali indici di fiducia delle imprese tedesche hanno registrato un andamento contrastante, con il PMI manifatturiero sceso a 44,1, il minimo dal 2012, mentre l’IFO è salito per la prima volta dopo sei cali consecutivi. Le prospettive della maggiore economia della regione rimangono incerte.

GIAPPONE
Gli ultimi dati dell’economia giapponese hanno mostrato un quadro positivo nel breve termine ma permangono preoccupazioni per lo
scenario di medio periodo qualora le tensioni commerciali tra USA e Cina non dovessero placarsi.
In febbraio la produzione industriale è rimbalzata dell’1,4 % m/m, il primo rialzo dopo tre ribassi consecutivi mentre le vendite al dettaglio sono salite dello 0,4% m/m. In ottica prospettica, l’indice di fiducia delle imprese Tankan è invece sceso da 19 a 12 nel primo trimestre dell’anno, evidenziando le possibilità di un rallentamento dell’economia. Il calo è dovuto principalmente alla debolezza della domanda estera, che colpisce le società di maggiori dimensioni. Il sondaggio relativo alle sole società non-manifatturiere ha evidenziato un calo più moderato, segnale di come la domanda interna sia attesa rimanere sostenuta nel breve grazie al buon momento del mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione è sceso in febbraio dal 2,5% al 2,3%.

RISCHI GEOPOLITICI

OUTLOOK

Crescita Economica
L’espansione globale continua a perdere momentum con ripetute revisioni al ribasso della crescita del PIL mondiale per il 2019 e il 2020
sia da parte degli Organismi internazionali che delle principali banche centrali.
L’OCSE (marzo 2019) prevede che il PIL mondiale aumenterà nel 2019 del 3,3% (3.5% stima di novembre); l’IMF (aprile 2019) stima una crescita del 3,3% nel 2019, lo 0,4% in meno rispetto alle proiezioni di ottobre 2018. Nelle sue ultime previsioni la Fed ha ridotto la stima sulla crescita del Pil USA nel 2019 dal 2,3% al 2,1% e nel 2020 dal 2% all’1,9%; tassi linea con le ipotesi più conservative del potenziale di espansione dell’economia americana. Più consistenti i tagli della BCE che vede ora
l’Eurozona crescere solo dell’1,1% nell’anno in corso.
Il trend di rallentamento non dovrebbe tuttavia essere omogeneo e nel corso dell’anno dovrebbero evidenziarsi nuove divergenze con una decelerazione più accentuata nei Paesi sviluppati rispetto a quelli emergenti e differenze fra le diverse economie.

Inflazione
L’inflazione headline ha registrato una marcata decelerazione del ritmo di crescita nella prima parte del 2019, principalmente a causa del calo del prezzo del petrolio a fine 2018. Il recupero delle quotazioni del greggio nelle ultime settimane non dovrebbe tuttavia essere sufficiente per determinare un significativo recupero dei prezzi nei prossimi mesi. Attese di stabilità per l’inflazione core in linea o su livelli ancora inferiori rispetto ai target delle banche centrali. Il buon andamento del mercato del lavoro, con segnali di accelerazione dei salari sia in USA sia in area Euro, non sembra al momento determinare un surriscaldamento dei prezzi. Banche Centrali
L’orientamento delle banche centrali è profondamente cambiato nelle prime settimane del 2019. Fed e BCE, che avevano iniziato l’anno anticipando una politica monetaria restrittiva, dopo i primi segnali di debolezza dell’economia, hanno modificato la propria guidance con orientamenti più accomodanti. I membri della Fed stimano ora che i tassi resteranno stabili per tutto il 2019, contro precedenti attese per due rialzi, e hanno deciso di ridurre il processo di normalizzazione del bilancio nei prossimi mesi fino ad interromperlo completamente da ottobre. La Bce, che stimava di alzare i tassi dopo l’estate, dovrebbe mantenerli stabili per tutto il 2019 introducendo da settembre nuove operazioni di TLTRO che si concluderanno a marzo 2021. La liquidità sul sistema finanziario dovrebbe comunque mantenersi abbondante.

Rischi
I rischi di una guerra commerciale tra USA e Cina sembrano essere diminuiti, con segnali di progresso nella trattative da entrambe le parti.
Il maggiore rischio politico è rappresentato nel breve dal processo di uscita dall’UE del Regno Unito e da rinnovate tensioni con la Corea del Nord.

OUTLOOK

AZIONI
Il rally dei mercati azionari registrato in questi primi mesi del 2019 non è stato supportato da dati macroeconomici positivi o da significativi
flussi di investimento sull’asset class.
Sebbene alcuni indici anticipatori stiano evidenziando alcuni segnali di stabilizzazione, le prospettive di crescita economica per i prossimi mesi appaiono incerte e non mancano rischi dal fronte geopolitico.
Il processo di revisione al ribasso degli utili, particolarmente accentuato negli USA, e che potrebbe intensificarsi in Europa in caso di ulteriore decelerazione economica, non appare scontato dai mercati azionari, al contrario dell’effetto delle politiche monetarie espansive di Fed e BCE e di una possibile soluzione favorevole delle trattative tra USA e Cina sulle barriere commerciali.
Il rialzo delle quotazioni non accompagnato da una corrispondete crescita degli utili attesi ha comportato un’espansione dei multipli di bilancio con valutazioni che, in media, sono ritornate sui massimi di ottobre 2018. Alcuni mercati azionari presentano tuttavia ancora potenzialità di upside. I ritorni attesi per la seconda parte dell’anno, seppur positivi, appaiono contenuti e caratterizzati da elevata volatilità.
Si conferma view di sottopeso sull’asset class azionaria con un aumento del beta di portafoglio e possibilità di apertura di nuove posizioni in caso di correzione dei mercati finanziari. Privilegiati stili di gestione “quality” e “value” e temi di lungo periodo.

OBBLIGAZIONI
L’orientamento più accomodante delle banche centrali, l’attesa di tassi stabili per tutto il 2019 e la mancanza di tensioni inflazionistiche
hanno definito un quadro più favorevole per l’asset class obbligazionaria.
I rendimenti dei governativi americani ed europei si sono già mossi al ribasso e il tasso del Bund decennale è ritornato in territorio negativo. A meno di inattesi rialzi dell’inflazione il trend dei rendimenti dovrebbe stabilizzarsi o scendere ulteriormente, ma lo spazio di performance è molto più contenuto rispetto alla precedente fase di politiche monetarie accomodanti.
Si mantiene quindi posizionamento neutrale sull’asset class obbligazionaria privilegiando aree geografiche che possono maggiormente beneficiare della stabilizzazione dei tassi USA.

ALTERNATIVE
Si mantiene un’esposizione neutrale sulle strategie alternative e flessibili per fini di diversificazione.

LIQUIDITÁ
Si conferma sovrappeso della liquidità attraverso investimenti in strumenti monetari di breve scadenza, con funzione di stabilizzazione nelle fasi di volatilità e come riserva prontamente disponibile per nuovi impieghi in caso di correzione dei mercati finanziari.

ANDAMENTO MERCATI FINANZIARI

In marzo i principali indici azionari internazionali hanno esteso il trend al rialzo del periodo precedente, seppure con passo più moderato.
L’orientamento espansivo delle banche centrali e le attese per una soluzione positiva delle trattative tra USA e Cina hanno favorito le piazze azionarie. A livello valutativo gli indici si sono riportati sui valori precedenti il calo del periodo ottobre-dicembre sia in USA sia in
area Euro. Tra i mercati emergenti la Cina si è confermata la grande protagonista, con l’indice Shanghai Composite in rialzo del 5% in marzo, e di circa il 24% da inizio anno.

EUROZONA
Le borse europee hanno messo a segno una nuova performance positiva in marzo, con l’indice DJ Eurostoxx salito dell’1,2%.
A livello settoriale le migliori performance sono state registrate dai beni di consumo e personali, grazie al trend positivo sia delle società
di beni di consumo di massa (Beiersdorf +13,7% e Unilever +8,9%), sia dalle case di moda (Dior +8,8%, LVMH +8,6% e Moncler +6,5%)
per le attese che l’economia cinese possa rimanere solida anche nei mesi a venire.
In rialzo anche i difensivi, con gli alimentari a +6,4%, e i settori più favoriti dal calo dei tassi di interesse: real estate +4,7%, utility +4%
e telecom +3,7%.
In controtendenza il comparto bancario (-5%), penalizzato dai timori che il calo dei tassi di interesse possa avere un impatto negativo sulla redditività degli istituti finanziari e i settori più legati all’andamento del ciclo economico dell’area Euro, quali le risorse di base (-4,4%), travel & leisure (-3,9%) e automobilistici (-2,8%).

USA
Grazie all’ulteriore recupero messo a segno in marzo, lo S&P500 si è riportato ad un passo dal massimo storico registrato a settembre a quota 2939 punti. I tecnologici sono stati i protagonisti del rialzo delle ultime settimane, con l’indice Nasdaq salito del 2,6%. Microsoft, il titolo a maggiore capitalizzazione del mercato statunitense, ha registrato un balzo del 5%, portandosi sopra i massimi dello scorso mese di settembre.
Anche sul mercato americano hanno sofferto le banche (-5%) a causa del calo dei rendimenti dei governativi e dell’appiattimento della curva. L’indice Dow Jones Industrial ha chiuso il mese di marzo invariato, penalizzato dai ribassi di Boeing (-13%) e Walgreen (-11%). Boeing ha risentito dei timori sulla sicurezza del modello 737, protagonista di un incidente in Etiopia il 10 marzo, che hanno spinto diversi Paesi a bloccarne i voli e diverse compagnie aeree a cancellare gli ordini. Walgreens è arretrata dopo avere annunciato utili inferiori alle attese e abbassato le proprie proiezioni per il resto dell’anno.

I rendimenti core delle principali economie mondiali hanno continuato a ridursi anche durante il mese di marzo, alla luce di nuove
previsioni economiche ancora deboli e di un atteggiamento più accomodante da parte delle banche centrali.
Negli Stati Uniti, il market mover principale è stata la riunione del FOMC del 19-20 marzo che ha confermato la pausa sui tassi di interesse, fermi nel range 2,25 – 2,50, e rallentato il ritmo di riduzione del bilancio, rafforzando l’intenzione di adattare la politica monetaria ai rischi dell’economia.

L’atteggiamento più accomodante della Fed e le nuove proiezioni dei tassi (dots), che escludono aumenti per il 2019 e prevedono un solo rialzo per il 2020, hanno innescato un forte rally dei Treasury con rendimenti in discesa lungo tutti i tratti della curva. La compressione più significativa si è verificata sulle lunghe scadenze, tanto che sul finire del mese il decennale è arrivato a rendere meno della scadenza trimestrale – il 22/03 i rendimenti erano rispettivamente pari a 2,44% e 2,46% –, comportando l’inversione della curva in quel tratto.
Anche nell’Area Euro le dichiarazioni accomodanti da parte del presidente BCE Mario Draghi e alcuni deboli dati macroeconomici hanno favorito una forte compressione dei rendimenti. Nello specifico, il decennale tedesco, che fino a sei mesi fa rendeva più dello 0,5%, è tornato in territorio negativo per la prima volta dal 2016, a -0,07% sul finire del mese L’Italia ha beneficiato, nel complesso, della generale compressione dei rendimenti dei titoli governativi, ma con movimenti più contenuti rispetto agli altri Paesi dell’Eurozona. Sulla carta italiana continuano a pesare i timori sulla sostenibilità del debito e sulla tenuta dell’economia, evidenziati anche dalle ultime previsioni OCSE che proiettano una contrazione del -0,2% del PIL italiano nel 2019.
In termini relativi migliore performance nel mese delle obbligazioni corporate investment grade rispetto alle emissioni di rating inferiore. Il rasserenamento delle tensioni commerciali tra USA e Cina e l’orientamento più accomodante della banca centrale americana hanno influito positivamente sui mercati delle obbligazioni emergenti in hard currency, che da inizio anno hanno registrato un guadagno complessivo del 6,6% in USD.
Condizioni finanziarie più accomodanti a livello globale favoriscono infatti l’obbligazionario emergente, preferito dagli investitori in cerca di extra rendimento, e consentono alle banche centrali dei Paesi emergenti di mantenere un orientamento meno restrittivo (o più espansivo) senza temere deflussi di capitali.
Per contro, il debito in valuta locale ha leggermente corretto nel mese di marzo, complice il deprezzamento registrato da alcune divise emergenti, in particolar modo lira turca, real brasiliano e peso argentino.

AZIONI

USA
Nel corso del primo trimestre 2019 le azioni statunitensi hanno rimbalzato dai minimi di fine dicembre, recuperando più dell’80% delle
perdite realizzate negli ultimi tre mesi del 2018. I rialzi sono stati guidati da due driver principali, un atteggiamento più accomodante
e flessibile da parte della Fed e i continui progressi nei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina. A seguito di tale recupero, le valutazioni sono divenute elevate e superiori rispetto alla media storica. Ad aumentare i livelli di Price Earning hanno contribuito anche le continue revisioni al ribasso degli utili del 2019. Secondo Reuters, nel primo trimestre del 2019 gli utili dovrebbero mostrare una contrazione del -2,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si prospetta quindi una
stagione delle trimestrali improntata alla prudenza, quella che ha preso il via venerdì 12 aprile con i conti di JPMorgan e Wells Fargo che hanno tuttavia mostrato risultati superiori alle attese degli analisti.
Un ulteriore segnale di cautela è arrivato anche dall’inversione della curva dei Treasury che si è verificata venerdì 22 marzo: storicamente, tale avvenimento ha anticipato periodi di rallentamento dell’economia, ma con tempi lunghi e di durata variabile. Tali fattori inducono a confermare il sottopeso sull’azionario statunitense.

EUROZONA
I mercati azionari dell’Area Euro si sono accodati alla tendenza positiva di tutti i principali mercati mondiali, con una particolare sovraperformance da parte di Piazza Affari.
Lo scenario per i prossimi mesi rimane tuttavia incerto, caratterizzato da un persistente peggioramento del contesto macroeconomico, da utili attesi in contrazione e da una situazione politica ancora fragile, sulla quale incombono le elezioni europee di fine maggio e una Brexit ancora dall’esito incerto.
Sul fronte microeconomico Reuters stima che nella prossima stagione delle trimestrali, le società dello Stoxx 600 riporteranno ricavi in rallentamento rispetto al 4Q 2018 (da 4% a 2,7% a/a) e utili in contrazione del -3,2% a/a. Si ritiene inoltre che le quotazioni azionarie, pur avendo pienamente incorporato nei prezzi la possibilità di un accordo commerciale USA-Cina, stiano sottovalutando il rischio di un nuovo round di diatribe commerciali che vedrebbe coinvolti Stati Uniti ed Europa.
La situazione potrebbe migliorare nei prossimi trimestri, grazie a una combinazione di rafforzamento dei consumi, politiche fiscali espansive e commercio globale in ripresa, ma l’instabilità di breve periodo induce a mantenere un posizionamento di sottopeso sull’azionario dell’Area Euro.

AZIONI
USA
Le incognite sulle prospettive dell’economia nel 2019 consigliano di mantenere un sottopeso sull’azionario statunitense. L’andamento della curva dei rendimenti e le indicazioni della Fed evidenziano come i dati economici migliori delle attese pubblicati ad inizio anno possano rivelarsi temporanei. La curva dei rendimenti, infatti, rimane vicina ad un’inversione con il differenziale tra i governativi a dieci anni e a quelli a due anni sotto i 20bp. Un’inversione della curva dei rendimenti è stata sempre accompagnata da una recessione entro 12- 18 mesi. La rimozione dal comunicato rilasciato al termine della riunione del FOMC del 29/30 gennaio dell’indicazione della necessità di un rialzo dei tassi conferma come anche la Fed veda i timori di un rallentamento nei prossimi mesi a causa delle tensioni commerciali tra USA e Cina e per l’indebolimento dell’economia mondiale. Per quanto le due super-potenze economiche mondiali possano essere vicine ad un accordo secondo le indiscrezioni, ancora non si vedono passi concreti in tale direzione.
Ad aumentare le incognite sull’economia statunitense sono anche le tensioni politiche, con l’accordo tra amministrazione Trump e democratici per la riapertura del Governo federale che è solo temporaneo.
In tale scenario il mercato azionario potrebbe essere penalizzato dalla revisione al ribasso delle stime sull’andamento degli utili nei prossimi dodici mesi. Gli analisti vedono una crescita degli utili dello S&P500 nel 2019 del 5,6%, una netta revisione al ribasso rispetto all’incremento del 7,4% stimato a inizio anno.

EUROZONA
Il rimbalzo dei mercati azionari nelle prime settimane del 2019 non modifica il quadro d’incertezza sulle prospettive dell’area euro. I dati economici continuare ad essere più deboli delle attese, con i rischi al ribasso in aumento. In particolare sono i principali indici di fiducia a fornire le indicazioni più preoccupanti. Sia l’indice di fiducia economica preparato dalla Commissione Europea sia l’indice di fiducia delle imprese tedesche IFO sono scesi in gennaio ai minimi degli ultimi due anni, anticipando un ulteriore rallentamento dell’economia nei prossimi mesi. Una crescita economica inferiore alle attese potrebbe riflettersi in una redditività contenuta delle società quotate, con l’introduzione di nuove iniezioni di liquidità della BCE tramite operazioni di TLTRO che avrebbero effetti positivi solo sulla redditività delle banche. Per questo motivo si mantiene un sottopeso sull’azionario dell’area euro.

EUROPA EX EURO
Anche per i Paesi europei ex-euro è atteso un rallentamento economico nel corso del 2019 che induce a mantenere un posizionamento di
sottopeso su tale area geografica, con particolare prudenza nei confronti del Regno Unito. Nonostante una Brexit senza accordo sia per ora stata scongiurata, con la proroga concessa dall’Unione Europea fino al 31 ottobre, non vi sono ancora certezze circa le modalità e le tempistiche con le quali si realizzerà. La situazione politica rimane ancora altamente instabile, con potenziali ripercussioni negative sulla fiducia economica, sulla sterlina e su volatilità e performance degli investimenti azionari. Inoltre, la Bank of England potrebbe non essere in grado di attuare politiche espansive fino a quando non ci sarà maggiore chiarezza sul fronte politico.

GIAPPONE
Nel corso dei primi mesi del 2019 l’azionario giapponese ha registrato un buon recupero, supportato anche da valutazioni depresse, che sono tuttavia rimaste su livelli interessanti e inferiori alle medie storiche. Secondo le stime del FMI, l’economia nipponica è prevista in crescita dell’1% nel 2019, dello 0,1% superiore rispetto alle previsioni elaborate in ottobre. Tale revisione al rialzo riflette un più ampio stimolo fiscale in corso d’anno, volto a mitigare gli effetti dell’aumento della tassa sui consumi prevista in ottobre. In particolare, si segnala il continuo miglioramento dei parametri di redditività (es. ROE) che portano le società giapponesi a godere di un migliore posizionamento nelle fasi avanzate del ciclo economico. Si mantiene un posizionamento di sovrappeso.

PAESI EMERGENTI
Secondo le ultime stime del FMI, la crescita per l’intera area emergente rimarrà solida (+4,4%*), trainata in particolar modo da Cina (+6,3%*) e India (+7,3%*). L’ ingente programma di stimoli monetari e fiscali messi in atto dalla Cina nei primi mesi del 2019 e il sempre più vicino accordo commerciale con gli Stati Uniti, sono attesi rilanciare non solo l’economia cinese ma l’intera area asiatica (+5,1%*). Per contro, alcuni Paesi come Argentina e Turchia, continuano ad essere soggetti a forti squilibri economici che creano sfiducia tra gli investitori. In questi Paesi anche le mosse dei governi giocheranno un ruolo fondamentale per le performance azionarie, in quanto cruciale sarà la calibrazione della politica fiscale al fine di dare supporto dell’economia senza accelerare la crescita del debito pubblico.
Sull’azionario dei Paesi emergenti si conferma il posizionamento di sovrappeso, con preferenza verso l’area dell’asia-pacifico, alla luce di condizioni finanziarie più accomodanti, di un allentamento delle tensioni commerciali e di politiche fiscali in espansione.

OBBLIGAZIONI

GOVERNATIVI
L’annuncio di politiche monetarie espansive da parte di Fed e BCE hanno spinto i rendimenti dei governativi sui minimi dell’anno in marzo.
Gli investitori hanno, infatti, interpretato tali decisioni non solo come il fatto che i tassi resteranno su valori bassi per un lungo periodo di
tempo ma anche come il segnale che le prospettive dell’economia possano essere peggiori di quanto ritenuto in precedenza.
Nel breve non si riscontrano segnali di pressioni inflazionistiche per cu i rendimenti potrebbero oscillare introno ai livelli attuali nei prossimi
mesi.
Ciò induce a confermare un orientamento neutrale sulle obbligazioni governative favorendo le emissioni a tasso nominale rispetto ai titoli
indicizzati all’inflazione. Si riscontra ancora valore sul tratto breve della curva americana mentre si propone una riduzione della duration sulle posizioni in BTP in attesa di maggiore volatilità all’avvicinarsi delle elezioni europee.

CORPORATE INV. GRADE
Le attese per un rallentamento dell’economia nel corso del 2019 potrebbero pesare sui corporate bonds. Scontati gli annunci della politica monetaria espansiva di Fed e BCE sull’asset class gli effetti del rallentamento dell’economia mondiale potrebbero rendere l’allargamento degli spread cui si è assistito nel 2018 strutturale. Per questo si mantiene un orientamento di sottopeso sull’asset class, ritenendo che il processo di aggiustamento sarà lento e renderà necessario un approccio selettivo all’asset class.

CORPORATE HIGH YIELD
I corporate high yield hanno esteso in marzo il trend positivo della prima parte dell’anno grazie alla domanda innescata dalla ricerca di extra rendimento a fronte del calo dei tassi dei titoli governativi. Sostanziosi i flussi in entrata nel settore; in Usa, per esempio, i fondi specializzati nel comparto hanno registrato afflussi per USD14,3bn nei primi 3 mesi dell’anno dopo i deflussi per USD20,7bn nel 4Q18. Gli spread sono scesi sia in USA sia in area Euro, portandosi sui minimi rispettivamente da novembre e ottobre.
Si ritiene che l’asset class sia da sottopesare poiché il rallentamento dell’economia potrebbe favorire un nuovo allargamento dei margini nei
prossimi mesi. Una riduzione della propensione al rischio potrebbe inoltre influire sulla liquidità del comparto.

OBBLIGAZIONI PAESI EMERGENTI
Il contesto finanziario più accomodante dovrebbe continuare a favorire le obbligazioni dei Paesi emergenti che, seppur in contrazione nell’ultimo periodo, nel segmento in hard currency offrono ancora spread interessanti rispetto ai benchmark in USD.
L’assenza di tensioni inflazionistiche sta inducendo diverse banche centrali a ridurre o almeno stabilizzare i tassi di interesse a favore di un recupero dei prezzi delle obbligazioni denominate in valuta locale, mentre la minore forza relativa del USD dovrebbe consentire un recupero delle divise locali dei Paesi più virtuosi.
L’ingresso e/o l’aumento del peso delle emissioni in CNY nei principali indici obbligazionari globali dovrebbe creare maggiore domanda sui bond denominati nella divisa cinese, vista in stabilizzazione contro USD in caso di definizione dell’accordo commerciale USA-Cina.
Si conferma posizionamento di sovrappeso su tale asset class con obiettivo di extra-rendimento e diversificazione valutaria.

CURRENCY E COMMODITY
Continua il movimento altalenante dell’Euro contro USD con il cambio che negli ultimi mesi sembra aver trovato supporto in area 1,12.
La riunione della BCE di inizio marzo che ha confermato l’assenza di rialzi dei tassi d’interesse almeno per tutto il 2019, la revisione al ribasso delle stime di crescita e le prospettive di un’inflazione al di sotto del target del 2% anche per gli anni a venire, hanno spinto il cross Euro/USD fino a 1,1176, in prossimità dei minimi degli ultimi 2 anni.
Il messaggio più accomodante espresso dalla Fed ha permesso invece alle altre valute dei Paesi sviluppati di recuperare rispetto alla divisa americana, anche grazie ai progressi nelle trattative fra USA e Cina che hanno aumentato la propensione al rischio degli investitori.
L’Euro sembra tuttavia aver trovato un supporto nelle ultime settimane sebbene continuino a pesare i deboli dati macro dell’Eurozona soprattutto nel manifatturiero tedesco.
La diminuzione, ma non la cancellazione, del rischio di una hard Brexit nel breve periodo hanno dato supporto da inizio anno alla GBP, tuttavia si conferma estremamente incerto l’esito finale del divorzio. L’impatto binario (ossia marcato apprezzamento o marcato deprezzamento) che avrà la soluzione dell’impasse con l’elevata volatilità legata agli incerti negoziati politici continua a suggerire un approccio cauto sulla divisa del Regno Unito.
La conferma della politica espansiva della BOJ, pronta ad iniettare nuova liquidità in caso se ne creasse la necessità, congiuntamente ai progressi nella trattativa commerciale fra USA e Cina, hanno indebolito nell’ultimo periodo lo JPY, tipica valuta rifugio, che nel breve potrebbe continuare il lento deprezzamento a meno del sopraggiungere di nuovi elementi di instabilità dei mercati finanziari.
Dovrebbero proseguire il recupero delle divise emergenti, forti dello stop ai rialzi dei tassi di interesse da parte della Fed e del miglioramento delle relazioni USA-Cina che potrebbero dare slancio alle economie dei Paesi emergenti, soprattutto quelle più legate alle due superpotenze. Particolare attenzione dovrà essere invece posta nei prossimi mesi sulla lira turca, che ha registrato un brusco deprezzamento a fine marzo, condizionata dalla recessione in cui è caduto il Paese e dalla riduzione delle riserve valutarie della banca
centrale intervenuta in difesa del cambio. Sulle commodity, il taglio della produzione dell’OPEC – seguito finora scrupolosamente a livello aggregato – e le sanzioni verso Iran e Venezuela stanno continuando a dare supporto al petrolio nonostante la produzione USA continui a crescere e lo scenario macro peggiori.
Nel breve ci aspettiamo un mantenimento del trend mentre un catalizzatore nel medio termine potrebbe essere quanto l’Arabia Saudita riesca a mantenere la Russia all’interno dell’accordo.

Top